• Marta Bagnasco , @lemillemarta

I documentari sulla sostenibilità che fanno riflettere

Nell’ultimo anno avrete sicuramente notato quanto l’argomento della “sostenibilità” stia pian piano entrando a gamba tesa nelle nostre vite.

Attraverso le varie piattaforme social, telegiornali, persino pubblicità di prodotti definiti, almeno in apparenza, “green”, veniamo quotidianamente bombardati da immagini e scritte tendenzialmente di color verde, proprio per attirare la nostra attenzione.

Perché tutto ciò? Beh, perché purtroppo stiamo decisamente raggiungendo un punto di non ritorno nei confronti del nostro povero Pianeta.


Avrei piacere, attraverso questo articolo, di raccontarvi la mia personalissima esperienza relativamente a come ho iniziato a muovere i primi passi verso una quotidianità fatta di gesti più consapevoli e sostenibili: vi parlerò oggi dei documentari che per me sono stati più significativi nel farmi aprire finalmente gli occhi su tante realtà.

Inizierei parlandovi di 'The Game Changers'.

E’ stato in assoluto il primo documentario ad aver acceso qualcosa nella mia testa.

Mi ha colpita perché nonostante sia improntato sui benefici di un’alimentazione più vegetale, non è il “solito” documentario sugli allevamenti intensivi (per cui bisogna esser mentalmente pronti) ma prende in considerazione atleti olimpici di diverse discipline; dal maratoneta, al sollevatore di pesi, all’atletica, etc.

Quest’ultimi, una volta passati ad un piano alimentare vegano, hanno riscontrato non solo benefici da un punto di vista della salute, ma anche delle proprie performance sportive.

Se invece avete piacere di iniziare subito con qualcosa di più “forte” riguardo questa tematica, vi consiglio di guardare “Dominion”. MI ha cambiato la vita.


"A Plastic Ocean"

Non ci girerò intorno, vedere con i miei occhi stomaci di pesci e volatili morti ripieni di pezzetti di

plastica mi ha decisamente dato la spinta per cambiare le mie abitudini.

Questo documentario è diretto dal giornalista australiano Craig Leeson, il quale ha indagato sull'impatto devastante della plastica nei mari, e che ha coinvolto ricercatori, fondazioni e persone comuni.

Tendiamo a pensare che una singola bottiglietta di plastica sia innocua, invece ogni piccolo gesto può fare la differenza.


“Before The Flood” (“Punto di non ritorno”, in italiano)

Questo documentario vede come protagonista Leonardo DiCaprio, il quale in un viaggio in giro per il mondo durato ben due anni intervista politici e scienziati riguardo gli effetti che il cambiamento climatico ha portato e sta portando sul nostro pianeta.

“Before the flood” inizia mostrandoci come la società in cui viviamo sia completamente dipendente da gas e petrolio. Per ottenere questi combustibili fossili, le fabbriche dell’essere umano producono CO2, metano e altri gas serra che provocano il surriscaldamento climatico.

Però è figo se a gennaio ci sono 17°… no? Chiediamo agli orsi polari cosa ne pensano.



"The True Cost”

Ti sei mai chiest* come sia possibile che una semplice t-shirt da Zara possa costare 5€ se non di meno?

Se ci soffermiamo a ragionare su tutto il processo di produzione che c’è dietro ad ogni singolo capo di abbigliamento che possediamo ed indossiamo, non ti sembra un po' strano che possa costare così poco?

Direi di si.

“The true cost” è un documentario del 2015 incentrato sul mondo de fast fashion.

Discute diversi aspetti dell’industria dell’abbigliamento: dalla produzione, esplorando principalmente la vita dei lavoratori a basso salario nei Paesi in via di sviluppo, ai suoi effetti collaterali come l’inquinamento dei fiumi e del suolo, la contaminazione da pesticidi, la malattia e la morte.


Un cambiamento ad oggi è assolutamente necessario.

E sapete chi può far la differenza? Noi. Si, proprio noi, anche nelle piccole cose, nei piccoli gesti quotidiani.

Ognuno di noi può contribuire scegliendo di acquistare prodotti in maniera più consapevole.


Spero che questi documentari possano essere per voi di spunto e che accendano in voi, come in me, una scintilla.


Marta Bagnasco @lemillemarta / www.lemillemarta.it


0 visualizzazioni0 commenti